Seleziona una pagina

“In teoria non c’è differenza tra teoria e pratica, in pratica sì”

È uno dei tanti, fantastici “yogismi” che ci ha lasciato in eredità l’ironico Yogi Berra, leggendario catcher dei New York Yankees scomparso nel 2015.

yogi-berra

Devo dire che questa frase si adatta perfettamente anche alla parte pratica dei corsi di Lean Manufacturing, dove, a seguito dell’esposizione teorica, il gruppo di lavoro cerca di applicare concetti e strumenti lean alla propria realtà.

Per dirla in un altro modo: raccontare il milk run (giro del latte) interno attraverso cui Toyota alimenta le proprie linee di montaggio è facile; farlo funzionare nella pratica in settori differenti dall’automotive, con volumi e caratteristiche di processo differenti, è la vera sfida.

Dopo essermi già congratulato di persona, approfitto dello spazio del blog per fare nuovamente i miei complimenti ai ragazzi di azienda X.

A seguito della formazione teorica, il gruppo di 10 partecipanti si è diviso in due team operativi.

Tra le diverse proposte di cantiere kaizen emerse dal brainstorming di fine corso, i due team hanno selezionato due cantieri piuttosto sfidanti:

  • la sincronizzazione dei processi di MPS e Procurement con la domanda cliente finale
  • l’ottimizzazione dei rifornimenti di minuterie ai reparti con giro logistico interno (milk run), eliminando i magazzini intermedi di reparto

Finora, ho seguito i gruppi durante le prime due giornate di implementazione pratica e devo dire che, oltre ad aver dimostrato ambizione nella scelta dei temi di lavoro, stanno affrontando i cantieri con il giusto mindset, ovvero focalizzandosi su come far funzionare i progetti e non, come purtroppo accade a volte, sul perché non dovrebbero farlo.

Credo che l’atteggiamento del gruppo di lavoro verso i cambiamenti che il Lean porta con sé sia la parte più difficile dei progetti: quando questo è corretto, nessuna difficoltà pratica all’applicazione degli strumenti diviene insormontabile…

Consulente e formatore in ambito Lean per SOGES S.p.A., sono inoltre docente a contratto di Lean Enterprise presso la Facoltà di Ingegneria Gestionale dell’Università Carlo Cattaneo (LIUC) di Castellanza (VA). Questo blog nasce per fornire il mio contributo alla diffusione della cultura lean in Italia, nella convinzione che per sopravvivere e prosperare in un mercato globale sempre più sfidante sia fondamentale che le nostre imprese interiorizzino queste metodologie e questo modo di pensare.

Share This